Lichen Sclerosus nei bambini:sintomi, diagnosi, terapia

Scritto da: Dott. R. Troiano - Pediatra | Pubblicato il: 02/09/2014

Categoria:

Malattie

Condividi questo articolo!
Facebook Google LinkedIn Print Tumblr Twitter

lichen sclerosus

 

 

 

 

 

 

La presenza di placchette biancastre nell’area genitale, sia nei maschietti che nelle femminucce, deve essere posta all’attenzione del pediatra curante per accertarsi che non si tratti di lichen sclerosus.

Il Lichen Sclerosus è una malattia della pelle su base autoimmune che prevale negli adulti ma che nel 15% dei casi può coinvolgere anche bambini portando alla formazione di placchette fibrotiche color avorio, con margini violacei-emorragici, pruriginose.

Può coinvolgere vari distretti cutanei come tronco, collo, ascelle, polsi, area periombelicale, area perioculare.

Coinvolge spesso l’area genitale sia nei maschietti che nelle femminucce.

Nei maschietti: le placche fibrotiche biancastre vanno a localizzarsi a livello del prepuzio e dell’uretra conducendo a quella che viene anche denominata Balanite Xerosa Obliterante in quanto può determinare nel tempo la fimosi serrata del prepuzio o nei casi più gravi la stenosi dell’uretra. Per maggiori informazioni sulla fimosi nei bambini leggi anche Pisellino che non si apre! Igiene, Aderenze, Fimosi.

Nelle femminucce: si presenta con placchette fibrotiche millimetriche rotondeggianti nell’area vulvare (cioè la patatina) e perianale (cioè introno al buchino del culetto) che tendono a convergere tra loro assumendo la forma di una clessidra.

Quando il lichen scleroso è presente a livello genitale può essere erroneamente attribuito a cicatrici da abuso sessuale.

Dirimente per la diagnosi è la biopsia cutanea che mostrerà la presenza di ipercheratosi con occlusione follicolare, infiltrato linfocitico nel derma e degenerazione idroponica delle cellule dello strato basale.

La terapia si basa su creme emollienti e a base di cortisonici locali: dapprima steroidi topici potenti seguiti poi da cicli di steroidi topici più leggeri per prevenirne le recidive.

CREME CORTISONICHE AD "ELEVATA POTENZA"
Diprosone  (Betametasone dipropionato 0,05%)
Elocon o Altosone (Mometasone furoato 0,1%)
Advantan o Avancort (Metilprednisolone aceponato 0,1%)
Flixoderm crema (Fluticasone propionato 0,05%)
Clobesol (Clobetasolo propionato 0,05%)

1 applicazione 2-3 volte al giorno per 6-8 settimane, in base a giudizio medico

CREME CORTISONICHE A "BASSA POTENZA"
Locoidon (Idrocortisone butirrato 0,1%)

1 applicazione 2-3 volte al giorno per 6-8 settimane, in base a giudizio medico

 



Condividi questo articolo!
Facebook Google LinkedIn Print Tumblr Twitter

Tutti i contenuti degli articoli pubblicati in questo sito e le risposte dei medici alle domande degli utenti non vanno intesi come sostitutivi rispetto al parere del proprio medico curante, ma solo come note a carattere informativo non rappresentando essi in nessun caso un atto medico. Si ricorda a tal proposito che ogni atto medico presuppone un’accurata conoscenza della storia clinica e l'esame obiettivo del singolo paziente. Le monografie di farmaci presenti su questo sito non sono sostitutive del bugiardino contenuto nella confezione in quanto ne costituiscono una sintesi semplificata.