Si può fare qualcosa per stimolare l'appetito nei bambini?

Il bambino che "non mangia" è sempre fonte di ansia per i genitori! E' necessario preoccuparsi?

Scritto da: Redazione | Pubblicato il: 13/05/2014

Categoria:

Educazione

Condividi questo articolo!
Facebook Google LinkedIn Print Tumblr Twitter

Mio figlio mangia poco, posso dargli qualcosa per aumentargli l’appetito?

Spesso si ritiene che bevande ricostituenti o “pozioni magiche” possano svolgere anche la funzione di aumentare il senso dell’appetito nei bambini, e molti genitori le somministrano come ultima via di salvezza al fine di sedare le loro preoccupazioni e sentirsi più tranquilli....ma non è così!

Sono inopportune e non servono a molto anche le minacce, le urla, le preghiere e le promesse che molte volte precedono o fanno parte del pasto del bambino che non mangia con molto appetito, ma dopo tanto impegno e “arrabbiatura” i genitori sentono che hanno davvero tentato di tutto.

Quando il bambino è sano, cresce regolarmente ma non è quel che si dice una “buona forchetta”, basterà rendere più appetitose le pietanze di tutti i giorni, talvolta magari anche facendo uno sforzo di fantasia nella presentazione: la fetta di carne può apparire più invitante se precedentemente le si è sciolta sopra una fettina di provola; per quanto riguarda la pasta provate a cambiare più spesso il formato che utilizzate invece dei soliti spaghetti (a volte può bastare anche solo questo).

Cercate di variare il più possibile il menù dei pasti, presentando ai vostri pargoli pietanze sempre diverse, facendo ricorrere (ogni tanto) il loro piatto preferito che mangeranno ancora più avidamente del solito.

Evitate il più possibile bevande caloriche e i “fuori pasto”: molti bambini mangiano poco perché bevono molto latte o succo di frutta (che possono ridurre anche notevolmente l’appetito ai pasti) o ancora perché hanno fatto ricorso a più “spuntini” nel corso della giornata.

A volte l’aumento dell’appetito e l’inizio di una regolare alimentazione vanno di pari passo!

Ricordiamoci quindi di guardare sempre il bambino, e non quanto mangia! Ascoltiamo il nostro pediatra di fiducia e, se a suo giudizio la crescita del bambino è regolare e non ci sono elementi di allarme, probabilmente servirà a ben poco sforzarci di farlo mangiare di più (anzi, rischia di essere addirittura controproducente!). In caso contrario, sarà lui a dirci quali indagini fare o quale terapia intraprendere (ogni caso è diverso dall'altro e un pediatra è sicuramente la persona più adatta per individuare l'eventuale causa del distrurbo!)

Le "Pillole del Faro":la rubrica del Faro Pediatrico che fornisce brevi consigli e curiosità per la crescita dei nostri bambini!

Hai domande o curiosità per i nostri pediatri? Contattaci e riceverai una risposta tramite un breve articolo!



Condividi questo articolo!
Facebook Google LinkedIn Print Tumblr Twitter

Tutti i contenuti degli articoli pubblicati in questo sito e le risposte dei medici alle domande degli utenti non vanno intesi come sostitutivi rispetto al parere del proprio medico curante, ma solo come note a carattere informativo non rappresentando essi in nessun caso un atto medico. Si ricorda a tal proposito che ogni atto medico presuppone un’accurata conoscenza della storia clinica e l'esame obiettivo del singolo paziente. Le monografie di farmaci presenti su questo sito non sono sostitutive del bugiardino contenuto nella confezione in quanto ne costituiscono una sintesi semplificata.