Tachipirina senza febbre: rischio ipotermia?

Tachipirina senza febbre: rischio ipotermia?

Assumere tachipirina senza febbre… rischi per il piccolo?

“Il bimbo ha dolore ma non ha febbre. Posso dare lo stesso la Tachipirina o se ne scende la temperatura?”. Troppe volte questa domanda viene posta al pediatra… scrivere due righe a riguardo è d’obbligo!”

Ricordiamo che la Tachipirina (così come Efferlgan, Acetamol… e vari altri) contiene paracetamolo, un principio attivo ad azione antifebbrile e antidolorifica. Il paracetamolo trova quindi indicazione negli stati febbrili che arrechino disagio al piccolo (in genere tale disagio subentra oltre i 38-38,5°C, ma non di regola!) e negli stati dolorosi lievi/moderati (mal di testa, mal di gola etc).

Diversi genitori manifestano però il timore che, somministrando paracetamolo a un bambino senza febbre (magari per lenire un dolore), si rischi di ridurre la sua temperatura al di sotto della norma. Tale paura è legata al fatto che tale farmaco è erroneamente percepito come un riduttore di temperatura, piuttosto che per quello che in realtà è: un normalizzatore del termostato cerebrale. Esso infatti agisce inibendo la produzione alcune sostanze (chiamate prostaglandine) che provocano febbre, dolore e infiammazione.

Le prostaglandine infatti, agendo sull’ipotalamo (zona del cervello che funge da termostato regolatore del nostro corpo) ne provocano il set-point ad una temperatura superiore. In presenza di paracetamolo invece, le prostaglandine cerebrali vengono prodotte in misura minore e quindi l’ipotalamo si mantiene su un set-point normale: se c’era febbre quindi questa scende fino al set-point normale; se invece il bimbo non aveva febbre, vuol dire che il set-point ipotalamico era già di base settato su un livello di normalità e quindi la temperatura si mantiene invariata. In questo caso l’effetto del paracetamolo si esplica solo nell’inibire il dolore provocato dalla prostaglandine. Per quanto riguarda invece l’effetto antinfiammatorio, esso è piuttosto scarso in quanto il paracetamolo va inibire la produzione di prostaglandine essenzialmente a livello cerebrale (agendo sull’enzima cerebrale COX3) e non a livello di siti periferici ove in genere è localizzata l’infiammazione.

Quindi, cari genitori, la risposta è NO: il paracetamolo può solo inibire l’innalzamento della temperatura al di sopra della norma, ma non può provocare ipotermia!

Lascia un commento

Chiudi il menu
×