Soffocare coi lavaggetti nasali: è possibile?

Soffocare coi lavaggetti nasali: è possibile?

Condividi!

E’ possibile soffocare con i lavaggetti nasali?

Cosa fare se il piccolo ha difficoltà a respirare mentre gli puliamo il naso?

“Dottore io i lavaggetti nasali non glieli faccio perchè ho paura che s’affoga”. Quante volte ho sentito questa frase da mamme timorose di prendere siringhina, fisiologica e aspiratore per liberare il nasino ingolfato di muchi del proprio piccolino? Chi non si è talora sentita tremendamente in colpa dopo aver visto il piccino andare momentaneamente in apnea, perchè durante il lavaggetto un po’ di fisiologica gli era finita in gola? Il problema è appunto questo: il timore che la soluzione fisiologica finisca in gola e che il piccolo abbia difficoltà a respirare.

E’ davvero la soluzione fisiologica il problema? Credete forse che non possa accadere la stessa identica cosa col muco stesso del piccolo? Credete che la fluidissima fisiologica inalata sotto il vostro vigile controllo possa creare più problemi dell’inalazione di muchi densi che avvenga magari mentre tutti dormono?

La verità è che per fortuna nè muchi nè fisiologica danno grossi problemi allorchè inalati, in quanto tosse e pianto spontanei tendono a liberare rapidamente le vie respiratorie. La possibilità di soffocare con muchi è remota a ancor più di soffocare con soluzione fisiologica. Quindi non abbiate paura di iniettare fisiologica e aspirare questi nasini: è molto più probabile che abbia difficoltà respiratoria a causa dei muchi che a casua del vostro lavaggetto!

Cosa rischio se non pulisco il naso al piccolo?

Quante volte il vostro pediatra ha tanto insistito sull’importanza della pulizia nasale rassicurandovi che si trattasse solo di muchi nasali, senza nulla ai bronchi nè necessità di somministrare alcun antibiotico. Tutti i genitori accettano questo tipo di discorso

I lavaggi nasali con fisiologica (o con ipertonica se muchi più densi) rappresentano la migliore strategia per prevenire le complicazioni del raffreddore. Ciò è tanto più vero quanto più piccolo è il bimbo, in quanto i più piccini hanno scarsa capacità di “gestire volontariamente” eventuali groviglietti di muchi che li cascano dal naso alla gola come farebbe un bimbo più grande tossendo, ingoiando muchi o “schiarendosi” la gola.

Ma cosa rischio se non li faccio, nel timore che inali fisiologica e vada in apnea? In primis, come sinora detto, rischio che inali muchi, il che è peggio che inalare fisiologica. In secondo luogo un bimbo che ha il naso ingolfato di muchi avrà difficoltà a mangiare: quando il naso è otturato la bocca gli serve per respirare e tenderà cosi a frazionare i pasti mangiando poco e spesso. Infine rischio le varie complicazioni dovute all’estensione dell’infiammazione in altre sedi: tracheite, bronchite, otite, sinusite etc.

Cosa fare se ha difficoltà a respirare durante lavaggio nasale?

In pratica bisogna fare la stessa cosa che fareste in caso di difficoltà respiratoria dovuta a muchi, rigurgito o inalazione di latte o altro.

In prima istanza incoraggiare tosse e pianto mettendo il piccolo sul lato ed eseguendo manovre di stimolazione utili a dargli quel po’ di fastidio/dolore che lo induca a tossire/piangere liberandosi del groviglietto muchi-fisiologica che gli è finito in gola. In pratica:

  • frizionare con vigore la mano dietro la schiena
  • frizionare o dare colpetti fastidiosi sotto la pianta dei piedi

Nei rarissimi casi in cui, dopo 10-15 secondi di manovre di stimolazione della tosse il piccolo non pianga o tossisca, allora bisogna procedere con le manovre di disostruzione respiratoria:

  • pacche dorsali alternate a compressioni toraciche (come illustrato nel nostro Manuale Pratico di Primo Soccorso scaricabile in App Faro Pediatrico)
Ti è piaciuto quest'articolo? Vuoi parlare subito con un pediatra per avere maggiori informazioni? Chiama ora allo 06-89083898 e segui la voce guida.

Lascia un commento

Chiudi il menu
shares
×